domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieLa disputa sui cereali tra Paesi UE e Ucraina si estende allo...

La disputa sui cereali tra Paesi UE e Ucraina si estende allo zucchero e al pollame

Nel contesto di un’impennata delle esportazioni ucraine verso l’UE, la Commissione europea insiste che il commercio sta procedendo bene, ma ammette che esiste „qualche rischio” che le importazioni facciano scendere i prezzi e minaccino la produzione locale di pollame, uova e zucchero.

„Non vediamo alcuno sviluppo negativo molto significativo sul mercato agricolo dell’UE”, ha detto il vicedirettore della Commissione per l’agricoltura Pierre Bascou agli eurodeputati che hanno espresso preoccupazione per l’aumento delle importazioni ucraine in una riunione della commissione agricoltura del Parlamento europeo la scorsa settimana.

‹ adv ›

Tuttavia, Bascou ha ammesso che l’esecutivo dell’UE ha identificato „alcune vulnerabilità e rischi” in settori come pollame, uova e zucchero.

„Questo è un elemento che stiamo monitorando molto da vicino”, ha aggiunto.

L’UE ha temporaneamente revocato le restrizioni sulle importazioni dall’Ucraina nel giugno 2022 in seguito all’invasione del paese da parte della Russia, che ha portato a un afflusso di merci ucraine nel mercato dell’UE che ha fatto scendere i prezzi, soprattutto nei Paesi in prima linea, vale a dire Ungheria, Polonia, Slovacchia e Romania.

Sebbene cereali e semi oleosi rappresentino la maggior parte delle importazioni (l’Ucraina è uno dei maggiori esportatori di cereali al mondo), i deputati hanno sottolineato anche altri prodotti agricoli.

„La carne di pollame ucraina [le esportazioni verso l’UE] è aumentata di circa il 150% rispetto alla situazione prebellica, e le uova (…) di oltre il 100%”, ha affermato l’eurodeputato di centrodestra Peter Liens.

In risposta, Bascou ha sottolineato un calo della produzione di uova nell’UE negli ultimi mesi, causato „dall’aumento dei costi di produzione e dall’impatto delle epidemie di influenza aviaria”, e un simultaneo aumento della domanda dei consumatori.

‹ adv ›

Secondo i dati UE, l’UE rimane uno dei maggiori produttori mondiali di carne di pollame e un esportatore netto, con una produzione annua di circa 13,4 milioni di tonnellate.

Tuttavia, l’Associazione dei trasformatori e del commercio di pollame nell’UE (AVEC) avverte che la competitività dell’UE sta diminuendo e afferma che l’aumento delle importazioni dall’Ucraina, ma anche dal Brasile e dalla Tailandia, „è molto preoccupante”.

Crescono le tensioni anche sullo zucchero

Crescono le tensioni anche sullo zucchero, soprattutto in Francia.

„Le fabbriche sono state chiuse”, ha detto l’eurodeputata francese Anne Sander.

Secondo i dati dell’UE, le esportazioni di zucchero dell’Ucraina verso l’UE sono aumentate da 25.000 tonnellate tra ottobre 2021 e luglio 2021 a 390.000 tonnellate nello stesso periodo dell’anno scorso.

L’associazione francese dei coltivatori di barbabietola da zucchero (CGB) ha chiesto „una risposta chiara da parte della Commissione europea sulla gestione futura di questo afflusso di zucchero” in una presentazione del 28 novembre. L’associazione teme che l’aumento dei volumi possa far scendere i prezzi e danneggiare i produttori locali.

Tuttavia, Bascou ha sottolineato che „i prezzi [dello zucchero] rimangono a un livello molto elevato a più di 800 euro la tonnellata”.

Secondo il commissario europeo all’Agricoltura Janusz Wojciechowski, il prezzo medio dello zucchero nell’UE „ha raggiunto livelli record nel 2023”.

„A causa della grave siccità estiva, si stima che la produzione di zucchero per il 2022/2023 sarà inferiore di quasi il 12% rispetto all’anno precedente”, ha affermato domenica (3 dicembre) in una risposta scritta all’eurodeputato Peter Jahr.

Allo stesso modo, Bascou ha esortato i deputati a non dimenticare che l’UE „dipendeva [dalle importazioni ucraine] prima della guerra e [rimane tale] dopo la guerra”. Ha aggiunto che l’Ungheria e la Romania sono „importatori netti” di zucchero.

I Paesi in prima linea non fanno marcia indietro sul grano

Nel frattempo, la Commissione europea ha confermato a Euractiv che i divieti nazionali sulle importazioni ucraine sono ancora in vigore in Ungheria, Polonia e Slovacchia, che li hanno imposti unilateralmente a settembre, ed ha espresso la sua preoccupazione.

Il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis ha incontrato venerdì (1° dicembre) il vice primo ministro slovacco Peter Kmec per discutere le modalità per „allentare la situazione”, ha detto a Euractiv un portavoce della Commissione.

Dombrovskis e Kmec hanno parlato del miglioramento delle cosiddette „corsie della solidarietà” – rotte terrestri alternative istituite dall’UE per Kyiv per esportare grano e semi oleosi dopo che la Russia si è ritirata da un accordo sul Mar Nero mediato dalle Nazioni Unite che consentiva il passaggio sicuro del carico. navi.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti