martedì, 21 Maggio, 2024
HomeNotizieLa Commissione UE vuole espandere le opportunità dei produttori di entrare nel...

La Commissione UE vuole espandere le opportunità dei produttori di entrare nel mercato dei vini a bassa gradazione alcolica

Rivolgendosi alla commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale del Parlamento, la Commissione europea ha annunciato di voler sviluppare il quadro giuridico europeo sui vini biologici e sull’etichettatura per dare a più produttori la possibilità di entrare nel nuovo mercato dei vini a bassa gradazione alcolica.

‹ adv ›

Nella riforma della politica agricola comune (PAC) del 2021, l’UE ha adottato norme per riconoscere due nuovi termini: „vino Il vino dealcolato” (fino a 0,5% vol) e „vino parzialmente dealcolato” (oltre 0,5% vol).

Queste sono „una delle potenziali nicchie che possono offrire prospettive per il futuro” ai produttori di vino che affrontano sfide come il calo dei consumi e il cambiamento climatico, ha affermato Pierre Bascou, vicedirettore generale della direzione generale dell’Agricoltura della Commissione europea (DG AGRI), ha detto agli eurodeputati lunedì (15 aprile).

Mentre il mercato del vino dealcolato è ancora marginale nell’UE, soprattutto rispetto al mercato delle birre a zero alcol, la domanda è in crescita ed è già forte negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Secondo la Commissione, nei prossimi anni in Europa si potrebbero produrre 42 milioni di litri di vino dealcolato ogni anno.

L’UE non vuole che questo mercato gli sfugga tra le mani, mentre Paesi come la Nuova Zelanda e l’Australia stanno già investendo massicciamente nel settore.

‹ adv ›

Verso il vino biologico analcolico

La normativa sui vini dealcolati vieta la dealcolazione totale dei vini a denominazione di origine protetta (DOP o IGP).

„L’UE è stata pioniera nel definire chiaramente queste disposizioni e nel consentire a questi vini di essere commercializzati come „vino” e non come altri tipi di bevande”, ha affermato Bascou.

Nonostante questi progressi, ha riconosciuto che il quadro giuridico deve fare passi avanti, in particolare per i vini biologici.

Al momento, i vini dealcolati non possono essere classificati come biologici perché i metodi utilizzati per rimuovere l’alcol dal vino – evaporazione sottovuoto, tecniche a membrana e distillazione – non sono ancora riconosciuti nelle specifiche per l’etichetta biologica dell’UE.

Su richiesta di Germania e Austria, la Commissione europea ha annunciato che sta attualmente studiando la possibilità di autorizzare l’evaporazione sottovuoto. Nei prossimi giorni è atteso un parere scientifico che permetterà di prevedere un atto delegato su questo tema, ha aggiunto Bascou.

Un’altra impasse tecnico riguarda lo spumante, dal quale, almeno per ora, non è possibile eliminare l’alcol.

Dibattito sull’etichettatura

Questo mercato in espansione solleva una serie di domande sulla scelta delle tecniche di dealcolazione e persino sul nome di questi prodotti.

In occasione del dibattito sulla riforma della PAC, la proposta di immettere sul mercato vini a bassa gradazione alcolica suscitò un intenso dibattito in Italia.

La Coldiretti, organizzazione contadina italiana, ha lanciato una crociata contro i vini analcolici con lo slogan „non chiamatelo vino”, protestando contro la “denaturazione” del prodotto.

Simili richiami sono stati lo sfondo sonoro del Vinitaly, la più grande fiera nazionale del vino, iniziata lo scorso 14 aprile a Verona, in Italia.

„Facciamolo dealcolato, ma non chiamiamolo vino”, ha ribadito il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida aprendo i lavori.

Posizioni simili sono emerse lunedì in seno alla commissione per l’agricoltura durante il dibattito svoltosi a Bruxelles.

L’eurodeputata spagnola Clara Aguiliera (S&D) ha invitato alla vigilanza per garantire che una bevanda tipo Coca-Cola non venga un giorno etichettata come „vino analcolico”. Per gli stessi timori, il deputato verde tedesco Martin Häusling ha chiesto „coerenza” nelle norme che sono state e saranno proposte.

Altri deputati, come il vicepresidente della commissione Mazaly Aguilar (ECR), hanno sottolineato i costi di produzione aggiuntivi per eliminare l’alcol dal vino, che i piccoli produttori non sarebbero in grado di sostenere.

Mentre la Commissione europea sta lavorando con l’Organizzazione internazionale del vino (OIV) su un quadro normativo su questo tema, Bascou ha affermato di vedere buone prospettive per la nicchia del vino dealcolato.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti