domenica, 25 Febbraio, 2024
HomeNotizieLa Commissione ammette le debolezze degli standard sociali nella riforma della Politica...

La Commissione ammette le debolezze degli standard sociali nella riforma della Politica agricola comune

Sebbene l’introduzione di una serie di standard sul piano sociale e del rispetto dei diritti dei lavoratori nell’ambito della riforma della Politica agricola comune (PAC) dell’UE sia un passo nella giusta direzione, il nuovo strumento esclude i settori in cui le violazioni dei diritti dei lavoratori sono più diffuse, secondo un funzionario della Commissione.

‹ adv ›

Con la riforma della PAC, entrata in vigore quest’anno, i sussidi diretti alle aziende agricole sono in parte subordinati al rispetto degli standard sociali e lavorativi – un passo volto a impedire alle imprese che non rispettano i requisiti di legge di ricevere tutti i fondi dell’UE.

Tuttavia, se l’introduzione di questa misura è stata accolta da molti come un importante passo avanti, nella pratica permangono limitazioni significative, secondo la stessa Commissione europea.

“Ci sono una serie di inconvenienti perché si applica solo ai pagamenti diretti”, ha dichiarato Margaret Bateson-Missen, responsabile dell’Unità per la sostenibilità sociale presso il dipartimento agricoltura della Commissione (DG AGRI), in occasione di un recente evento di EURACTIV.

I pagamenti diretti alle aziende agricole, basati sul criterio della superficie, costituiscono una parte consistente dei fondi della PAC, ma non comprendono tutti i settori agricoli. Ad esempio, il sostegno dell’UE è organizzato in modo diverso per l’orticoltura e le aziende agricole ricevono pochi pagamenti diretti.

Ciò significa che il meccanismo di condizionalità sociale, in base al quale i Paesi dell’UE possono trattenere i pagamenti diretti dalle aziende agricole che non soddisfano i requisiti, non si applica a molte aziende ortofrutticole, anche se „è qui che si verifica la maggior parte degli abusi, soprattutto per i lavoratori stagionali e informali”, ha sottolineato Bateson-Missen.

‹ adv ›

Secondo il funzionario, il fatto che l’inclusione di un nuovo pilastro sociale sia stata decisa piuttosto tardi durante il processo di riforma della PAC ha fatto sì che “non abbiamo avuto il tempo di esaminare come applicare il meccanismo ad altri settori”.

Tuttavia, in futuro, la Commissione potrebbe lavorare per includere anche questi settori, ha aggiunto.

Affidarsi agli Stati membri

Nel frattempo, la funzionaria ha anche sottolineato un secondo limite del meccanismo:

„Poiché la condizionalità sociale si basa sui sistemi di controllo esistenti negli Stati membri per le norme sociali e del lavoro, sarà valida solo nella misura in cui lo sono tali sistemi”.

Oltre ad essere responsabili del monitoraggio della conformità agli standard di condizionalità sociale, gli Stati membri determinano anche l’entità della riduzione dei fondi PAC di un’azienda agricola in caso di violazione di tali norme.

Questa flessibilità a livello nazionale ha attirato le critiche dei sindacati e degli attivisti.

„Consideriamo una possibile debolezza il fatto che i meccanismi di applicazione e controllo della condizionalità sociale si basino su verifiche e controlli esistenti negli Stati membri, dove sappiamo già che ci sono molte difficoltà”, ha dichiarato Kristjan Bragason, Segretario generale della Federazione europea dei sindacati dell’alimentazione, dell’agricoltura e del turismo (EFFAT), durante l’evento.

Ha aggiunto inoltre che le autorità nazionali competenti sono spesso „scarsamente finanziate” e non hanno la capacità di seguire il processo nella misura necessaria.

Dal punto di vista dei datori di lavoro, invece, la flessibilità nazionale è un’arma a doppio taglio, secondo Claudia Merlino del Gruppo dei datori di lavoro delle organizzazioni professionali agricole dell’UE (GEOPA-COPA).

Da un lato, ha avvertito, lasciare agli Stati membri la facoltà di decidere l’entità delle sanzioni potrebbe portare a una disparità di condizioni per i produttori dei diversi Paesi dell’UE, che potrebbe essere esacerbata da livelli diversi di diligenza nel monitoraggio.

D’altra parte, dice Merlino, questa flessibilità riflette le strutture agricole molto diverse all’interno dell’UE e significa che i Paesi possono adattare la condizionalità sociale alle rispettive situazioni.

Un buon primo passo

Nonostante le questioni ancora aperte, Bateson-Missen ha sottolineato che l’introduzione della condizionalità sociale rappresenta un passo significativo verso una migliore protezione dei lavoratori agricoli.

„Potrebbe non sembrare abbastanza, ma è un inizio molto importante”, ha sottolineato. „Ora che il meccanismo esiste, possiamo aggiungerlo nelle future riforme della PAC”.

Allo stesso modo, anche Bragason ha accolto con favore l’introduzione della condizionalità sociale come „una vittoria cruciale per i lavoratori agricoli e per i molti datori di lavoro responsabili”, anche se non può essere l’unica soluzione.

„Ha un grande potenziale per aumentare gli standard lavorativi in uno dei settori più difficili e precari dell’economia”, ha sottolineato.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti