domenica, 25 Febbraio, 2024
HomeNotizieLa Bulgaria apre all’importazione di grano ucraino

La Bulgaria apre all’importazione di grano ucraino

La Bulgaria non è più favorevole all’estensione del divieto europeo di importazione di grano dall’Ucraina: i tre partiti che sostengono il governo hanno proposto all’Assemblea nazionale di aprire alle importazioni già da venerdì.

‹ adv ›

La commissione parlamentare economica ha votato a favore della proposta e l’ultimo passo è il voto in plenaria.

Cinque mesi fa, il Paese, guidato dal governo ad interim nominato dal presidente Rumen Radev, è entrato a far parte della coalizione di Paesi dell’Europa centrale e orientale che ha spinto Bruxelles a imporre un embargo sulle importazioni di grano ucraino. Il motivo erano le proteste dei produttori locali di grano, colpiti dal forte calo dei prezzi.

Tuttavia, il governo provvisorio ha totalmente trascurato gli interessi dei consumatori e la lotta all’inflazione, così come il settore dei produttori bulgari di olio di girasole, all’avanguardia nell’UE.

Poco dopo l’imposizione dell’embargo, è emerso che la Bulgaria importa tradizionalmente il 30% dei semi di girasole necessari dall’Ucraina, perché non produce abbastanza per soddisfare il proprio fabbisogno produttivo.

‹ adv ›

L’embargo ha colpito duramente il settore, facendo crollare i profitti a un livello record nel 2022. Molti produttori di olio saranno costretti a chiudere gli impianti.

„Riconoscendo la solidarietà della Bulgaria con l’Ucraina e per garantire la sicurezza alimentare global la Bulgaria non sostiene la prosecuzione dopo il 15 settembre del divieto di importazione in Bulgaria, Polonia, Ungheria, Romania e Slovacchia di grano, mais, colza e semi di girasole provenienti dall’Ucraina”, si legge nella bozza di decisione delle tre formazioni parlamentari – la coalizione Noi continuiamo il cambiamento – Bulgaria democratica, il partito GERB dell’ex premier Boyko Borissov e il partito della minoranza turca DPS.

Proponendo la bozza, hanno sollevato il governo dalla responsabilità di prendere questa decisione, facilitando notevolmente il compito del primo ministro Nikolay Denkov, che avrebbe potuto subire forti pressioni da parte dei produttori di grano.

Fino a quel momento, il ministro dell’Agricoltura Kiril Vatev aveva dato segnali di voler chiedere una proroga dell’embargo sull’importazione di girasoli e di non sostenere il divieto di importazione del grano ucraino.

Alla fine di agosto, i produttori di olio hanno annunciato che i produttori bulgari di grano hanno offerto girasoli a un prezzo più alto rispetto ai mercati internazionali. I mulini non hanno però acquistato al prezzo proposto, perché avrebbe comportato la produzione di olio a prezzi non competitivi per i mercati globali.

I produttori di grano giustificano i prezzi più alti perché la produzione di semi di girasole è costata di più a causa dell’aumento dei prezzi dei fertilizzanti e dei preparati fitosanitari. All’inizio dell’anno, i produttori bulgari di cereali hanno ricevuto da Bruxelles un aiuto finanziario straordinario di 26 milioni di euro. Ma secondo i produttori si tratta di un risarcimento simbolico, che non copre le perdite.

A causa dei prezzi elevati, nei magazzini sono presenti circa 600.000 tonnellate di semi di girasole del raccolto precedente, mentre si attendono quasi 2 milioni di tonnellate dal nuovo raccolto.

In questa situazione, i produttori che trattengono il raccolto perdono e i prezzi sui mercati internazionali non aumentano, pertanto gli impianti oleari bulgari stanno per essere chiusi a causa della mancanza di materie prime.

Nella riunione straordinaria di martedì, la commissione economica del Parlamento ha adottato il progetto di decisione. Dieci membri della commissione hanno votato „a favore”, quattro sono stati „contrari” e due si sono astenuti.

Durante il dibattito, le organizzazioni del ramo della commissione si sono dichiarate contrarie alla decisione, dicendosi „scioccate”. Un membro del partito filorusso Vazrazhdane ha osservato che gli interessi dell’agricoltura bulgara vengono compromessi in nome di ragioni geopolitiche e che si tratta di un tradimento nazionale.

A sorpresa, anche due deputati di Noi continuiamo il cambiamento-Bulgaria democratica, Daniel Laurer e Iskren Mitev, hanno sottolineato che la bozza di decisione manca di un’analisi degli effetti e non sono pronti a sostenerla.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti