domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieIn cosa consiste la certificazione del „carbon farming” per la riduzione delle...

In cosa consiste la certificazione del „carbon farming” per la riduzione delle emissioni del suolo

Le pratiche agricole che immagazzinano CO2 e quelle che riducono le emissioni dal suolo sono tra le attività per le quali gli agricoltori potrebbero essere remunerati per il loro contributo alla lotta al cambiamento climatico, secondo un regolamento concordato dalle istituzioni dell’UE.

‹ adv ›

Martedì (20 febbraio) il Consiglio dell’UE e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo politico su un quadro di certificazione a livello UE per la rimozione del carbonio. Il sistema sarà volontario e il regolamento mira a stabilire criteri per definire uno standard elevato per la rimozione del carbonio dalle attività industriali e agricole.

Un certificato „garantito” dell’UE coprirà il processo di monitoraggio, rendicontazione e verifica dell’autenticità di tali rimozioni.

Per quanto riguarda l’agricoltura, il quadro normativo dell’UE limita la definizione di „carbon farming” ad alcune attività temporanee. Tra questi figurano il ripristino delle foreste e del suolo, la gestione delle zone umide e il mantenimento delle praterie di alghe.

Comprenderà anche attività di riduzione delle emissioni del suolo, ad esempio la coltivazione di colture che fissano l’azoto, come piselli e fagioli, colture di copertura come trifoglio o erba medica, e pratiche combinate con un uso ridotto di fertilizzanti e pesticidi.

‹ adv ›

L’accordo prevede una potenziale inclusione della riduzione delle emissioni di metano entro il 2026, affidando alla Commissione il compito di studiare questa opzione.

Per essere certificate, le attività incluse nella definizione di carbon farming devono durare almeno cinque anni.

La maggior parte degli aspetti pratici del framework, tuttavia, non sono ancora stati scritti.

Una volta adottato formalmente il regolamento, spetterà alla Commissione proporre metodologie di certificazione per le diverse tipologie di attività di rimozione del carbonio.

L’accordo provvisorio deve ancora essere approvato dagli Stati membri nel Consiglio e nel Parlamento europeo.
Reazioni

Il regolamento, originariamente proposto dalla Commissione europea nel novembre 2022, è stato accolto come una novità mondiale .

„Questo quadro di certificazione stimolerà tecnologie innovative per la rimozione del carbonio e lo stoccaggio del carbonio agricolo che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi climatici, ambientali e di inquinamento zero dell’UE”, si legge in un comunicato stampa della Commissione.

Per le parti interessate, il risultato della negoziazione è un quadro contrastante. Le organizzazioni agricole Copa e Cogeca hanno riconosciuto il raggiungimento di un „quadro pionieristico” contenente una „definizione aperta di rimozione del carbonio”, ma „si rammaricano che l’ambito di applicazione proposto non riesca a riconoscere adeguatamente e tempestivamente l’importanza delle pratiche di gestione del bestiame”.

Le organizzazioni sostengono che lo schema avrebbe dovuto includere tra le attività certificate anche la riduzione delle emissioni di metano, consentendo agli operatori zootecnici di essere remunerati per i loro sforzi nell’adottare pratiche per ridurre le emissioni dei bovini.

Poiché il regolamento riguarda le tecnologie industriali per la rimozione e l’agricoltura del carbonio, alcuni si sono chiesti come pratiche così disparate possano essere coperte da un unico sistema.

„Resta da vedere come attività diverse con caratteristiche e incertezze di stoccaggio così diverse possano essere gestite nello stesso quadro”, ha affermato la ONG ambientalista Fondazione Bellona, ​​aggiungendo: „Non possiamo paragonare i terreni alle rocce”.

Tuttavia, le aziende specializzate nelle tecnologie di rimozione del carbonio non sono d’accordo.

„L’impronta di gas serra dell’agricoltura è un mix complesso di biologia (materia organica) e industria (lavorazione del terreno e fertilizzanti) e una soluzione olistica farà leva su entrambi”, Adam Wolf, fondatore e CIO di Eion e Sebastian Manhart, presidente di DVNE (associazione tedesca per emissioni negative) si legge in una dichiarazione congiunta.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti