domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieIl ministro dell’Agricoltura polacco non teme le reazioni di UE e OMC...

Il ministro dell’Agricoltura polacco non teme le reazioni di UE e OMC dopo il divieto di importazione dei prodotti agricoli ucraini

La Polonia non teme ripercussioni da parte dell’Unione europea o dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) per la sua decisione di imporre unilateralmente un divieto sui prodotti agricoli ucraini, ha dichiarato il ministro dell’Agricoltura polacco Robert Telus in un’intervista esclusiva a EURACTIV.

‹ adv ›

Il ministro ha reso le dichiarazioni dopo che Polonia, Slovacchia e Ungheria hanno annunciato venerdì (15 settembre) restrizioni unilaterali sulle importazioni di grano ucraine, in risposta alla decisione della Commissione europea di non estendere il divieto temporaneo di importazione ai cinque vicini dell’Ucraina.

Il divieto – che comprendeva grano, mais, colza e semi di girasole – è stato inizialmente implementato per placare i Paesi in prima linea che avevano imposto unilateralmente le loro restrizioni commerciali già ad aprile, dopo che un afflusso di prodotti agricoli ucraini aveva messo sotto pressione gli agricoltori.

La decisione di non prorogare il divieto ha suscitato proteste tra i Paesi in prima linea dell’UE confinanti con l’Ucraina, tra cui soprattutto la Polonia, che, in mezzo alle crescenti tensioni politiche, dovrà affrontare le elezioni nazionali nelle prossime settimane.

Per Telus non ci sono „argomenti sostanziali” per non estendere il divieto, aggiungendo che la decisione è „strettamente politica”. Il ministro ha inoltre criticato la Commissione per aver atteso fino all’ultimo momento per informare gli agricoltori dell’UE.

„Vorremmo non attuare soluzioni unilaterali – saremmo più felici che lo facesse l’UE, che sarebbe il vero approccio di solidarietà europeo – ma siamo stati costretti a introdurre la decisione unilateralmente per proteggere i nostri agricoltori”, ha affermato Telus a EURACTIV, parlando a margine della riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE di lunedì (18 settembre).

‹ adv ›

Alla domanda se temesse ripercussioni dalla mossa, che probabilmente viola il diritto dell’UE dato che ha competenza esclusiva in materia commerciale, il ministro si è dimostrato sprezzante.

„Non accadrà nulla”, ha affermato il ministro a EURACTIV, aggiungendo che se lui stesso fa “cose buone” per gli agricoltori polacchi ed europei, non deve “aver paura delle normative che vanno nella direzione sbagliata”.

Allo stesso modo, Telus non si è detto preoccupato per eventuali conseguenze a livello dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC). Infatti, il ministro ritiene che non esista „nessuna base legale” per una simile mossa da parte dell’OMC.

„Quello che ho sentito è che la Polonia verrebbe denunciata per aver sostenuto i propri agricoltori, ma questo è ridicolo”, ha affermato Telus, aggiungendo di non comprendere „quale sarebbe la base giuridica per questa denuncia”.

L’Ucraina ha presentato ufficialmente richieste di consultazioni con Slovacchia, Polonia e Ungheria nell’ambito dell’OMC, secondo una dichiarazione del vice primo ministro e ministro dell’Economia ucraino Yuliya Svyridenko, pubblicata lunedì sera.

L’UE non ha alcun approccio 

Nel frattempo, il ministro ha criticato l’UE per aver trasferito all’Ucraina la responsabilità dei controlli sulle importazioni.

Secondo il compromesso della Commissione, annunciato venerdì, l’Ucraina ha accettato di „introdurre qualsiasi misura legale (incluso, ad esempio, un sistema di licenze di esportazione) entro 30 giorni per evitare l’impennata del grano”.

Fino ad allora, l’Ucraina metterà in atto „misure efficaci” per controllare l’esportazione di 4 gruppi di merci per prevenire eventuali distorsioni del mercato negli Stati membri confinanti e presenterà un piano d’azione su come gestire al meglio la situazione.

Per Telus si tratta di un accordo „strano”. 

„Non esiste alcun approccio, in realtà. Dicono solo che la Commissione non estende e richiede all’Ucraina di preparare una sorta di strategia, ma questo è il ruolo dell’UE, non dell’Ucraina”, ha fatto notare il ministro, sottolineando che il Paese devastato dalla guerra “non è nemmeno membro dell’UE”.

Il membro del governo di Varsavia sostiene inoltre che altri ministri hanno avuto una posizione „simile” a quella polacca, sottolineando la necessità di sviluppare „meccanismi che risolvano la questione dei prodotti ucraini”.

Tuttavia, diversi Stati membri dell’UE, tra cui l’attuale titolare della presidenza di turno, la Spagna, si sono espressi contro l’iniziativa.

„Qualsiasi Paese che adotti un’azione unilaterale, limitando l’accesso al mercato unico, mi sembra fuori dalla legge dell’UE”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro dell’Agricoltura spagnolo Luis Planas prima dell’incontro.

La posizione del commissario Wojciechowski

Telus ha difeso anche la posizione del commissario europeo all’Agricoltura, il polacco Janusz Wojciechowski, sottolineando che sta agendo in linea con la cooperazione „normale” nella sua veste di membro dell’esecutivo, dopo che in un post su X (ex Twitter) il ministro degli Esteri polacco ringraziava lo stesso commissario per la sua collaborazione nel periodo precedente all’imposizione del divieto.

„Il Commissario ha collaborato allo stesso modo in cui collabora con qualsiasi altro Stato membro”, ha affermato Telus.

Tuttavia, il ministro ha aggiunto che per noi è „ovviamente più facile perché parliamo la stessa lingua, è più facile fare una telefonata e fare domande”, ma ha sostenuto che questi scambi „non costituiscono nulla che possa violare il diritto comunitario”.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti