mercoledì, 22 Maggio, 2024
HomeNotizieGli esportatori albanesi rischiano il fallimento a causa della forza del lek...

Gli esportatori albanesi rischiano il fallimento a causa della forza del lek rispetto all’euro

Circa il 30% degli esportatori agricoli albanesi è fallito nel 2023 a causa delle ingenti perdite causate dal significativo rafforzamento del lek rispetto all’euro negli ultimi mesi, aggravando ulteriormente una crisi dei costi già affrontata dalle imprese del settore.

‹ adv ›

A luglio, EURACTIV ha riferito che i coltivatori di grano erano alle prese con un prezzo inferiore ai costi di produzione e con le preoccupazioni per la qualità a causa del maltempo, con il risultato che il grano non raccolto veniva lasciato nei campi e gli agricoltori rimanevano senza soldi. Hanno anche citato i problemi senza precedenti del tasso di cambio euro-lek come una sfida significativa per le loro attività.

Ma la situazione è ormai tale da avere un impatto su tutti i tipi di esportatori agricoli.

Dalla primavera, la forza dell’euro rispetto al lek è scesa ai minimi storici con poco più di 100 lek per ogni euro. Ciò significa che i produttori locali che pagano le bollette e il personale in lek, ma che vengono pagati per i loro prodotti in euro, stanno perdendo un reddito significativo.

„Qui l’euro scende ogni giorno, e dall’esportazione delle merci alla riscossione delle fatture, le perdite sono molto elevate. Le aziende esportatrici sono in grande crisi a causa del tasso di cambio. Quasi il 30% degli esportatori agricoli è fallito”, ha dichiarato Lauran Mulliqi, presidente dell’Associazione degli esportatori di prodotti agricoli.

La debolezza e la volatilità dell’euro causano problemi anche agli agricoltori che vendono beni a prezzi giornalieri ma che ricevono i pagamenti dall’estero fino a 45 giorni dopo la transazione.

‹ adv ›

Nel 2016, un euro costava 140 lek, scendendo a una media di 119 lek nel 2022. Ma il 21 luglio 2023 il tasso è sceso a poco più di 100 lek per euro. Al momento in cui scriviamo, il tasso è risalito a 109, ma c’è poco ottimismo sulla stabilità.

Ci sono diverse ipotesi su cosa ci sia dietro la questione euro-lek. In primo luogo, un notevole afflusso di turisti – quasi il 50% in più rispetto all’anno scorso – ha fatto aumentare la domanda di lek albanese.

Sebbene il lek sia la valuta ufficiale, l’euro è ampiamente utilizzato, soprattutto nelle grandi città e nelle zone costiere. EURACTIV ha osservato quest’estate che i pagamenti vengono effettuati in lek e il resto viene dato automaticamente in euro, e molti prezzi sono indicati in euro nelle zone turistiche da nord a sud.

Il governatore della Banca centrale Gent Sejko ha dichiarato durante l’estate che il turismo e „l’acquisto di proprietà da parte di non residenti” sono alla base dell’afflusso di euro extra nell’economia.

Tuttavia, l’analista e commentatore politico Neritan Sejamini ha scritto su Facebook che la domanda e l’offerta e questo afflusso non sono sufficienti a causare la situazione attuale.

„Un certo rafforzamento (del lek) è derivato da fattori economici non formali o in albanese: economia informale o criminale”.

Ha detto che il governo e la Banca d’Albania possono contribuire a risolvere la questione abbassando i tassi di interesse del lek, aumentando il livello delle riserve bancarie obbligatorie nella valuta, aumentando la spesa pubblica e riducendo le tasse.

In genere, il tasso di cambio dell’Albania è un regime flessibile, che fluttua su e giù in base alla domanda e all’offerta, come è tipico di un’economia di libero mercato. Ma si ritiene che la situazione attuale sia artificiale.

„Né la banca né il governo stanno facendo nulla perché questa situazione deriva da un modello economico deliberato che potrebbe essere devastante per l’economia e la politica albanese tra qualche anno”, ha aggiunto Sejamini.

Il governo ha annunciato alcune misure per gestire la situazione, tra cui l’esenzione dall’imposta sui profitti per almeno due anni per i produttori che esportano più del 70% dei loro prodotti. Ma questo non è sufficiente a risolvere la situazione.

Per quanto riguarda l’economia albanese, negli ultimi cinque anni si è registrata una crescita modesta di circa il 3%, 1,5 punti percentuali in meno rispetto al potenziale stimato dal Fondo Monetario Internazionale. Ciononostante, il Paese sta vivendo un significativo boom edilizio e i prezzi di acquisto e di affitto stanno aumentando vertiginosamente, superando i 5.000 euro al metro quadro nel centro di Tirana e sulla costa.

Secondo Gjergi Erebara, giornalista della BIRN, il contrasto tra una crescita economica lenta e un boom dei prezzi degli immobili, dell’inflazione e del rafforzamento della valuta locale potrebbe essere legato alla presenza di denaro nero nell’economia.

In un op-ed, ha scritto che ci sono tre possibili soluzioni: un giro di vite da parte delle forze dell’ordine sulle fonti di reddito utilizzate per l’edilizia e un messaggio politico che il Paese non è accogliente per i fondi illeciti potrebbero aiutare, ma sembra improbabile, scrive.

L’altra soluzione è quella di non fare nulla, in modo che il lek raggiunga un punto in cui coloro che iniettano fondi illeciti perdano denaro quando spendono i loro euro a causa del tasso di cambio, ma questo rischia di erodere ulteriormente la capacità del Paese di produrre prodotti, compresi i beni agricoli.

Mentre gli immobili, gli oggetti di uso quotidiano e i servizi come l’intrattenimento e persino il carburante possono essere pagati in euro, un passaggio ufficiale all’euro dal lek non è per ora in programma. Il lek rimane il re quando si tratta di pagare tasse, imposte, servizi e, naturalmente, gli stipendi dei dipendenti che preferirebbero essere pagati in lek finché è forte.

Gli esportatori temono che l’economia albanese stia diventando sempre meno competitiva per l’industria e l’agricoltura. A livello locale, per coprire l’aumento dei costi, il maltempo che ha colpito i raccolti e la mancanza di manodopera, gli agricoltori hanno dovuto aumentare i prezzi dei loro prodotti.

Attualmente, i prezzi di pomodori, cetrioli, meloni, cipolle e patate sono raddoppiati rispetto all’anno scorso e gli agricoltori affermano che i prezzi sono destinati a rimanere alti.

Gli agricoltori sono stati colpiti ancora più duramente dalla mancanza di fondi e sussidi, poiché attualmente i sussidi sono fissati a circa 200.000 lek per ettaro a stagione per non più di due stagioni in aree non inferiori a 1 ettaro. Questo esclude molti agricoltori che hanno meno di un ettaro di terreno che potrebbe rientrare nel programma.

Un altro duro colpo è stato la sospensione dei finanziamenti dell’UE attraverso il progetto di finanziamento sovvenzionato IPARD, a causa di un’indagine in corso da parte dell’ufficio anticorruzione (OLAF), che ha rilevato sospette irregolarità nell’erogazione dei fondi.

L’indagine è in corso e il ministero dell’Agricoltura albanese ha dichiarato che non ci sono irregolarità, aggiungendo che si tratta di „un processo completamente amministrativo che consente la verifica dei sistemi di controllo da parte di strutture accreditate che prenderanno le misure necessarie per continuare il normale rimborso da parte dell’UE”.

Il ministero insiste sul fatto che si tratta di normali processi e procedure dell’UE in cui vi è la „necessità di verificare le spese sospettate di attività non conformi alle norme stabilite”.

Il ministero ha dichiarato di essere in continua collaborazione con l’OLAF e la DG AGRI, fornendo „piena trasparenza come hanno fatto fin dal primo giorno di accreditamento”.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti