giovedì, 13 Giugno, 2024
HomeNotizieGli agricoltori slovacchi sono pronti ad unirsi alle proteste e bollano la...

Gli agricoltori slovacchi sono pronti ad unirsi alle proteste e bollano la politica green dell’UE come „fanatismo verde”

Gli agricoltori slovacchi sono pronti a unirsi alle loro controparti europee nelle proteste che hanno scosso molti Paesi dell’UE nelle ultime settimane, ha dichiarato la Camera dell’Agricoltura e dell’Alimentazione slovacca (SPPK), aggiungendo che la colpa è del „fanatismo verde” dell’UE.

‹ adv ›

La SPPK ritiene che Bruxelles e le sue politiche verdi siano all’origine della condizione degli agricoltori europei, ha dichiarato durante un briefing di fronte al Consiglio nazionale slovacco giovedì.

Questo include anche i problemi derivanti dalla cattiva gestione dell’Agenzia slovacca per i pagamenti in agricoltura (APA) e la definizione del piano strategico nazionale per l’attuazione della PAC, ha aggiunto.

Ad esempio, per la prima volta in 19 anni di appartenenza all’UE, l’agenzia non è riuscita a consegnare i pagamenti diretti in tempo e diversi agricoltori stanno ancora aspettando i loro soldi. Le ragioni principali sono la mancanza di preparazione dell’APA e l’eccesso di legislazione nazionale.

La scorsa settimana, la Commissione europea ha accolto alcune delle richieste degli agricoltori e ha proposto di rinnovare per un altro anno la sospensione dei dazi all’importazione e delle quote sulle esportazioni agricole ucraine verso l’UE.

‹ adv ›

Ha inoltre proposto di consentire agli agricoltori dell’UE di estendere l’esenzione dalle norme della PAC che impongono alle aziende agricole di mettere a riposo i terreni fino alla fine del 2024.

Ma gli agricoltori slovacchi considerano tali concessioni come “pseudo accomodanti”, e il presidente della SPPK Emil Macho le ha definite “l’ultima goccia per gli agricoltori europei e slovacchi”.

„Gli agricoltori protestano, bruciano pneumatici, versano letame sui centri amministrativi di metà dei Paesi dell’UE: è solo una conseguenza di ciò che spesso è causato dal fanatismo verde nell’UE”, ha aggiunto.

Macho afferma che gli agricoltori slovacchi sono pronti a protestare e lo faranno in coordinamento con gli agricoltori dei Paesi vicini di Visegrad.

Avverte inoltre che schiereranno „centinaia di trattori” nelle strade, come hanno già fatto gli agricoltori di Germania, Francia, Italia, Spagna, Romania, Polonia, Grecia, Portogallo e Paesi Bassi.

Secondo Macho:

„Inoltre, migliaia di tonnellate di colture, carne e pollame vengono spedite attraverso i porti e importate in Europa dall’altra parte del pianeta. È per questo che gli agricoltori dell’UE stanno bloccando i porti: vogliono dimostrare che l’Europa può nutrirsi e continuare a esportare”, ha sottolineato il presidente dell’SPPK.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti