sabato, 20 Aprile, 2024
HomeNotizieGli agricoltori polacchi pongono paletti al nuovo governo. Le reazioni

Gli agricoltori polacchi pongono paletti al nuovo governo. Le reazioni

I tre partiti di opposizione che potrebbero scalzare l’attuale partito di governo polacco Diritto e Giustizia (PiS) sono alle prese con una lista di richieste dei sindacati degli agricoltori, nota come „Agricultural Twelve”.

‹ adv ›

L’Agricultural Twelve è un elenco di dodici richieste al futuro governo in materia di politica agricola e alimentare. È stato pubblicato durante la campagna elettorale dalle sezioni agricole della Confederazione dei sindacati di tutta la Polonia (OPZZ RIOR) e del movimento Solidarność. Le richieste includono la non-proibizione della macellazione rituale e la non-limitazione della produzione di carne e dell’allevamento.

L’elenco comprende 12 dichiarazioni che i partiti politici possono condividere o meno.

„Abbiamo il diritto assoluto di esigere dai futuri politici, rappresentanti della società, risposte sul loro atteggiamento nei confronti della questione più importante per il nostro ambiente, cioè il nostro sviluppo e le nostre prospettive future”, hanno dichiarato gli autori.

Finora, l’unico partito che ha ufficialmente sostenuto i Dodici Agricoli è stato il PiS (ECR), come si legge sul sito web dell’OPZZ RIOR, con il ministro dell’Agricoltura in carica Robert Telus che ha dichiarato l’intenzione del partito di attuare tutte le richieste.

Tuttavia, l’elenco delle richieste degli agricoltori potrebbe dividere l’attuale schieramento dell’opposizione pro-UE, guidato da Donald Tusk, che ha ottenuto abbastanza voti alle elezioni politiche dello scorso 16 ottobre per assicurarsi una maggioranza parlamentare, in contrapposizione al PiS, e intende formare un governo.

‹ adv ›

Il campo comprende l’alleanza centrista Coalizione Civica (KO, PPE) di Tusk, la Sinistra (S&D) e il blocco della Terza Via, composto dal partito centro-verde Polonia 2050 (Renew) e dal partito centrista Partito Popolare Polacco (PSL, PPE).

Anche il PSL, un partito tradizionalmente agrario le cui origini risalgono alla fine del XIX secolo, sostiene le richieste degli agricoltori, come ha spiegato il deputato Stefan Krajewski ospite al programma Woronicza 17 trasmesso dall’emittente pubblica TVP, domenica mattina.

Questo, tuttavia, pone il partito dalla stessa parte della barricata politica del PiS, che ha disperatamente bisogno di un partner di coalizione più forte del partito ultraconservatore Confederazione per restare al potere.

Mentre il Primo Ministro Mateusz Morawiecki ha già dichiarato che il PiS non esclude negoziati „con nessuno”, il deputato del PiS Sebastian Kaleta ha dichiarato lunedì mattina alla radio privata RMF FM di ritenere „impossibile al momento” una coalizione con il PSL.

Nel frattempo, il capo del PSL Władysław Kosiniak Kamysz non ha lasciato dubbi su una potenziale alleanza con il PiS. Il partito vuole creare una coalizione con KO, la Sinistra e Polonia 2050, ha dichiarato lunedì, come riportato dall’Agenzia di stampa polacca (PAP).

Al momento della pubblicazione di questo articolo, KO non ha ancora commentato le richieste degli agricoltori. Tuttavia, la possibile coalizione, che comprende il Partito Verde polacco, ha fatto trapelare una certa rigidità, poiché alcune richieste violano i diritti degli animali.

Per garantirsi il sostegno degli agricoltori, KO si è alleata con AgroUnia, uno dei movimenti di agricoltori polacchi più popolari degli ultimi anni, guidato dal carismatico agricoltore e neoeletto deputato Michał Kołodziejczak, probabile ministro dell’Agricoltura in un nuovo governo Tusk.

La sinistra non ha appoggiato apertamente l’elenco di richieste degli agricoltori, anche se il deputato Andrzej Szejna ha descritto la maggior parte di esse come „ragionevoli”. Tuttavia, quelle relative all’allevamento rappresentano „un approccio superato alla produzione alimentare che causa sofferenza agli animali”, ha dichiarato su Woronicza 17, aggiungendo che la tutela dei diritti degli animali dovrebbe essere una priorità.

L’elenco pubblicato sul sito web dell’OPZZ RIOR mostra che alcuni dei legislatori eletti del PiS e un legislatore del PSL, Marek Sawicki, hanno dichiarato ufficialmente il loro sostegno alle richieste.

Il presidente Andrzej Duda, che ora dovrebbe nominare il nuovo primo ministro, terrà una serie di consultazioni con i partiti parlamentari questa settimana, in vista della formazione di un nuovo governo.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti