mercoledì, 22 Maggio, 2024
HomeNotizieCommissione UE: le esportazioni di grano dall’Ucraina attraverso la Polonia sono molto...

Commissione UE: le esportazioni di grano dall’Ucraina attraverso la Polonia sono molto al di sotto delle reali capacità

Secondo la commissaria europea ai Trasporti Adina Vălean, il volume delle esportazioni di prodotti agricoli ucraini oltre il confine polacco è diminuito di un terzo rispetto all’anno scorso, il che indica che le capacità esistenti non vengono utilizzate.

‹ adv ›

Lunedì (25 settembre), durante una conferenza stampa congiunta con il vice primo ministro ucraino Oleksandr Kubrakov a Bruxelles, Vălean ha presentato una serie di misure per aumentare la capacità logistica delle corsie di solidarietà, un’iniziativa lanciata dall’UE lo scorso anno per aiutare l’Ucraina ad esportare prodotti agricoli e merci attraverso i Paesi confinanti dell’UE.

Tuttavia, mentre il Commissario ha accolto le corsie della solidarietà definendole una „vera ancora di salvezza” per l’Ucraina, ha ammesso che „c’è ancora capacità inutilizzata” sulle rotte che attraversano la Polonia dopo che le esportazioni attraverso il Paese sono diminuite in modo significativo.

„Se guardate le cifre relative al volume delle merci movimentate quest’anno rispetto allo scorso anno vedrete che è tre volte inferiore”, ha spiegato Vălean.

„Ciò significa che la capacità esisteva, ma al momento non è completamente utilizzata”.

Insieme a Ungheria e Slovacchia, la Polonia ha introdotto restrizioni unilaterali sulle importazioni agricole ucraine dopo la scadenza delle misure a livello UE il 15 settembre. Il passo ha spinto Kyiv a intentare una causa contro i tre Paesi presso l’Associazione mondiale del commercio (OMC), mentre le tensioni sulle esportazioni di grano hanno inasprito significativamente le relazioni bilaterali tra Ucraina e Polonia.

Vălean non ha tuttavia confermato se, secondo la Commissione, le misure commerciali unilaterali siano all’origine del calo delle esportazioni attraverso la Polonia. Ha parlato invece di „varie ragioni, che non vogliamo commentare”.

‹ adv ›

A luglio, il commissario all’Agricoltura Janusz Wojciechowski ha affermato che l’UE ha la capacità logistica per aiutare l’Ucraina a sostituire la rotta del Mar Nero praticamente interamente grazie alle rotte della solidarietà.

Stretta collaborazione con la Romania

Anche l’ucraino Kubrakov, responsabile per gli sforzi per il ripristino delle esportazioni di grano, ha rifiutato di commentare in dettaglio le discussioni in corso sul transito del grano con Polonia, Slovacchia e Ungheria, ma ha detto che „stiamo sfruttando ogni opportunità per cercare di esportare il nostro grano attraverso eventuali Paesi vicini”.

Allo stesso tempo, ha ringraziato la Romania per la sua cooperazione negli sforzi volti ad aumentare i trasporti di grano attraverso il fiume Danubio, che è visto da molti esperti come una delle alternative più promettenti alla rotta del Mar Nero bloccata dalla Russia.

„Apprezziamo la pazienza e la comprensione dei nostri colleghi rumeni e il sostegno della Commissione europea”, ha affermato.

Secondo Vălean, le misure discusse lunedì includono l’individuazione di ulteriori ancoraggi per le navi che trasportano cereali e una migliore gestione dell’accesso e del traffico ai porti.

„Una cooperazione ancora più forte tra Ucraina, Romania e Moldavia, in particolare sullo snellimento delle procedure di controllo delle frontiere, aumenterà anche la capacità lungo la rotta terrestre verso il porto del Danubio e il porto di Costanza”, ha aggiunto.

Poco dopo la fine delle misure di restrizione commerciale dell’UE, Kiev e Bucarest hanno avviato i colloqui per un accordo sul transito del grano ucraino, e la Romania finora non ha adottato misure unilaterali.

Una sfida lanciata agli attacchi russi

Nonostante l’attenzione sulla rotta del Danubio, Vălean ha anche ammesso che i recenti attacchi russi ai porti ucraini del Danubio „rendono ovviamente la vita più difficile”.

Tuttavia, ha aggiunto, l’Ucraina e l’UE stanno esplorando „altre opzioni”, come il trasporto di merci verso i porti rumeni del Danubio e la successiva esportazione da questi hub.

Alla domanda se il Danubio fosse ancora una via sicura su cui scommettere per le esportazioni di grano dell’Ucraina, Kubrakov ha ammesso che ci sono dei rischi ma ha sottolineato:

„Non abbiamo altra scelta”.

Nel frattempo, Vălean e Kubrakov hanno annunciato che, per la prima volta, Ucraina e Moldova possono ora richiedere finanziamenti tramite un nuovo bando nell’ambito del Connecting Europe Facility, uno strumento di finanziamento dell’UE volto a promuovere gli investimenti nelle infrastrutture.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti