sabato, 15 Giugno, 2024
HomeNotizie8° Concorso Enologico Istituti Agrari Masaf-MiM-CREA-Renisa: Giorgia Meloni, Francesco Lollobrigida e Giuseppe Valditara...

8° Concorso Enologico Istituti Agrari Masaf-MiM-CREA-Renisa: Giorgia Meloni, Francesco Lollobrigida e Giuseppe Valditara premiano le classi vincitrici

„Oggi è la giornata di chi è consapevole e orgoglioso di quel che rende grande il nome dell’Italia nel mondo: il nostro saper fare, il nostro produrre eccellenza, le nostre tradizioni, i nostri prodotti di inarrivabile qualità, la nostra identità e, soprattutto, il nostro futuro, rappresentato dai ragazzi degli Istituti Agrari presenti. Per questo la prima giornata del Made in Italy la festeggiamo così, insieme al Presidente Giorgia Meloni e al Ministro Giuseppe Valditara, tra gli studenti dei nostri straordinari istituti agrari. Il più alto simbolo della nostra Nazione che crede nelle proprie infinite potenzialità”.

Così il ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, durante la cerimonia di premiazione dell’VIII Concorso Enologico per Istituti Agrari d’Italia, organizzato dal MASAF/CREA/MiM, in collaborazione con RENISA, che si è svolta al Vinitaly oggi 15 aprile, in occasione della Giornata Nazionale del Made in Italy, alla presenza del Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, che ha premiato le scuole vincitrici.  

‹ adv ›

Giunto alla sua ottava edizione, il concorso ha visto la partecipazione di 24 scuole, provenienti da 14 diverse Regioni, per un totale di 68 vini in gara, di cui 31 bianchi, 28 rossi e 9 rosati, suddivisi in tranquilli (58), spumanti (7), passiti (2), frizzanti (1), a denominazione IGP (37), DOC (21), DOCG (6), VSQ (Vini Spumanti di Qualità 4). I Vini sono stati valutati in base a 5 categorie:  vini tranquilli DOC e DOCG, vini tranquilli IGT, vini spumanti DOC, vini spumanti VSQ (vini spumanti di qualità), vini passiti. 

La giuria, composta da due diverse commissioni esaminatrici, ciascuna formata da 5 enologi (3 interni CREA e 2 esterni, in possesso del titolo di studio e requisiti previsti dal D.M. 9 novembre 2017 che disciplina i concorsi enologici ), ha utilizzato la scheda per l’analisi sensoriale „Union Internationale des Oenologues”,  che prevede la valutazione di 14 parametri relativi a vista, olfatto e gusto per vini tranquilli e per vini frizzanti/spumanti.

Il punteggio finale, fino ad un massimo di 100 punti, è il risultato della media aritmetica ottenuta dalle 10 valutazioni (10 schede) raccolte per ciascun vino in competizione, escludendo il punteggio più alto e quello più basso.

Hanno raggiunto il punteggio minimo (80 punti) per essere premiati ben 66, a testimonianza non solo del crescente interesse e della maggiore partecipazione delle scuole, ma anche dell’aumento degli standard qualitativi dei vini. Si segnala anche una maggiore attenzione alla tutela dell’ambiente con 11 vini biologici presentati.

‹ adv ›

Il CREA Viticoltura ed Enologia quest’anno, novità assoluta, ha deciso di conferire un ulteriore premio, un „Attestato di merito”: al miglior vino classificato per ciascuna delle 5 categorie del concorso (vini bianchi tranquilli, vini rosati tranquilli, vini rossi tranquilli, vini spumanti, vini passiti), e al vino che ha ricevuto in assoluto il punteggio più alto, la „menzione speciale” per la migliore innovazione (spumante 2016 Vivarelli fuori concorso per l’annata, presentato con un metodo di spumantizzazione proprio, a marchio depositato, metodo Scacchi), alla spunto di comunicazione più efficace in relazione al proprio vino, presentato nella Sezione Idea Marketing (alla sua quarta edizione), a latere del concorso enologico, lanciata da CREA e Renisa.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti