sabato, 20 Aprile, 2024
HomeArticoloControllo delle infestanti nel sistema No-Till 

Controllo delle infestanti nel sistema No-Till 

Abituati all’aratura come misura classica di controllo delle infestanti nel sistema convenzionale di lavorazione del suolo, per molti agricoltori i sistemi conservativi significano la necessità di una maggiore attenzione in questo senso, e molti temono una drastica riduzione dei raccolti a causa delle infestanti.

‹ adv ›

Infatti, con la lavorazione del suolo è più facile controllare le infestanti, mentre senza lavorazione questo viene realizzato avendo molte più conoscenze e utilizzandole correttamente. In generale, in molti paesi, il controllo delle infestanti è un fattore limitante nell’implementazione del sistema No-Till.

Nel suolo si trova una certa quantità di semi di infestanti, e il sistema conservativo mira a ridurne gradualmente il numero fino a quando le infestanti non diventano più una minaccia per il buon raccolto della coltura.

Nel sistema No-Till si utilizza un complesso di misure che hanno lo scopo di ridurre anno dopo anno le condizioni favorevoli per lo sviluppo delle infestanti e la riserva di semi nel suolo.

Pertanto, la strategia si basa su:

‹ adv ›
  • l’uso di misure preventive: semi privi di infestanti alla semina; distruzione dei focolai nelle aree incolte;
  • la conoscenza esatta delle specie di infestanti nel vostro lotto di terreno;
  • il controllo manuale di alcune infestanti (valido per piccole aree e fino a quando le infestanti hanno raggiunto un’altezza di 10 cm);
  • l’interruzione della formazione dei semi;
  • la modifica della densità e del modello di semina – questo cambia la struttura del fogliame delle colture, che a sua volta influenza la capacità di soffocare le infestanti.
  • l’uso di colture di copertura per occupare la superficie del suolo – cioè per occupare il luogo dove di solito si sviluppano le infestanti;
  • la distribuzione uniforme dei residui di coltura che, allo stesso modo, soffocheranno le infestanti e contribuiranno ad aumentare l’attività biologica;
  • il rispetto della rotazione delle colture, includendo nella rotazione le specie che possono ridurre le infestanti problematiche in campo;
  • l’uso di erbicidi.

Importante! Utilizzando queste pratiche combinate, gli agricoltori nel periodo di transizione verso i sistemi conservativi sono riusciti a ridurre significativamente le infestanti in circa tre anni di implementazione. Pertanto, il controllo delle infestanti richiede strategie a lungo termine.

Conoscenza delle specie di infestanti

Prima di applicare qualsiasi misura di controllo, è importante conoscere le specie di infestanti con cui ci si dovrà confrontare. A seconda delle caratteristiche del terreno, della coltura coltivata, del suolo, della tecnologia o della rotazione su un terreno agricolo, si possono trovare diverse specie di infestanti.

Inoltre, il cambiamento delle pratiche di lavorazione del suolo da convenzionali a conservative provoca un cambiamento nella composizione delle specie di infestanti in campo. Per questo motivo, per scegliere la strategia di lotta o, ad esempio, l’erbicida da applicare, un agricoltore deve:

  • conoscere e identificare le infestanti che rappresentano un pericolo per le colture agricole nell’area;
  • distinguere i gruppi di infestanti in base alla durata del periodo vegetativo;
  • valutare lo stato delle semine prima e dopo l’applicazione delle misure di controllo;
  • scegliere correttamente gli erbicidi e stabilire la norma di consumo della soluzione di lavoro.

A causa della presenza di residui vegetali, di cui abbiamo parlato sopra, può essere influenzata la temperatura del suolo e il regime di umidità, che colpisce la germinazione dei semi di infestanti e i modelli di emergenza durante il periodo vegetativo della coltura.

Alcune specie di infestanti germogliano e crescono più abbondantemente nelle condizioni dell’agricoltura conservativa.

Le infestanti perenni monocotiledoni sono considerate le più pericolose per il sistema conservativo, in quanto si diffondono non solo tramite i semi, ma anche attraverso i rizomi. Tra le infestanti perenni, la lotta contro la gramigna comune, il sorgho selvatico, la gramigna rossa, ecc., è considerata particolarmente problematica.

Conoscendo esattamente quali infestanti invadono il vostro campo, potete scegliere correttamente il tipo di erbicida da applicare.

La scelta delle colture nella rotazione per ridurre l’infestazione erbacea

La scelta delle colture in rotazione deve essere fatta tenendo conto anche dei problemi che possono sorgere con le infestanti perenni. In generale, una maggiore diversità di colture in rotazione significa anche evitare più problemi.

Ad esempio, sono disponibili erbicidi selettivi contro la gramigna comune nelle semine delle colture a foglia larga. Inoltre, è possibile combattere le infestanti perenni a foglia larga nelle semine delle colture graminacee. La scelta corretta della coltura significa che riuscirete a combattere le infestanti.

Alcune colture crescono più vigorosamente di altre. Coprono rapidamente il suolo e tendono a soffocare le infestanti. Includere queste colture (per esempio, la soia, la fagiolicchia) nella rotazione, insieme ad altri metodi di controllo delle infestanti, ridurrà le popolazioni delle infestanti e permetterà di controllare facilmente le infestanti annuali.

Alternare le colture graminacee con quelle dicotiledoni permette di combattere efficacemente la samola delle colture.  Sorghum sudanense, la colza, la segale, le piante perenni (a partire dal secondo anno) possono influenzare lo sviluppo delle infestanti.

Le colture di copertura – utili nel controllo delle infestanti

In generale, un’infestante è una pianta che cresce in un luogo indesiderato e diventa così un concorrente per acqua, nutrienti, luce e spazio con la coltura. Occupando lo spazio dove potrebbe svilupparsi un’infestante con altre colture, creiamo condizioni meno favorevoli per le infestanti.

Il tappeto vigoroso delle colture di copertura può fermare completamente la crescita delle infestanti annuali che provengono da semi. Le colture di copertura possono ridurre la crescita e la riproduzione delle infestanti perenni che emergono o si rigenerano da radici, rizomi o tuberi e sono più difficili da fermare.

Inoltre, le colture di copertura hanno un effetto parziale attraverso gli effetti fisici e chimici che si verificano quando i loro residui sono lasciati sulla superficie del suolo come un „mulch morto”.

Gli agricoltori che praticano l’agricoltura conservativa da molti anni riferiscono che l’uso delle colture di copertura con quantità aumentate di residui si è rivelato una tecnica molto efficace nel combattere le infestanti in agricoltura conservativa.

Inoltre, le colture di copertura possono rilasciare sostanze alelopatiche, che possono danneggiare le specie di infestanti concorrenti nelle vicinanze, in particolare per le infestanti con semi piccoli.

I residui vegetali gestiti correttamente – riducono l’infestazione erbacea

O stesso obiettivo, quello di occupare la maggior parte della superficie del suolo dove possono svilupparsi le infestanti, è perseguito anche dalla copertura del suolo con residui di piante. Con l’aumento della quantità di residui vegetali sulla superficie del suolo, la capacità di germinazione delle infestanti diminuisce e rallenta nel tempo.

Germogliando più tardi, le infestanti producono meno semi e le piante coltivate sono avvantaggiate nella competizione con le infestanti. Un aspetto importante è la distribuzione uniforme dei residui vegetali.

Ovviamente, i residui di piante non possono sopprimere completamente la crescita delle infestanti, motivo per cui è raccomandata la combinazione dei metodi menzionati in precedenza.

La capacità di soppressione dipende in particolare dalle specie di infestanti presenti, dalla coltura coltivata, dalle condizioni climatiche. L’integrazione dei metodi di lotta insieme all’applicazione di erbicidi permette di ottenere buoni risultati.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti