martedì, 21 Maggio, 2024
HomeArticoloColtivare arbusti da frutto in modo biologico - 7 consigli

Coltivare arbusti da frutto in modo biologico – 7 consigli

Se state pensando di avviare una piantagione biologica di arbusti da frutto, dovete sapere che questo processo non è solo una sfida, ma anche un’opportunità per contribuire alla tutela dell’ambiente e alla promozione dell’agricoltura sostenibile.

‹ adv ›

Questo articolo contiene alcune raccomandazioni da tenere in considerazione per realizzare una piantagione biologica di arbusti da frutto di successo.

1. Scegliere il tipo di arbusti da frutto

Per prima cosa, dovete decidere quali tipi di arbusti da frutto volete coltivare. Questa scelta dipenderà da fattori quali il clima e il terreno della vostra zona, nonché dalla domanda di mercato per i diversi tipi di frutta. Lamponi, ribes o gelsi sono solo alcune delle opzioni disponibili. Fate attenzione anche alla scelta delle varietà: devono essere tolleranti ai principali agenti patogeni, avere un buon tasso di crescita ed essere ben adattate alle condizioni della zona in cui devono essere coltivate.

2. Scegliere il terreno giusto

La scelta del luogo giusto per la piantagione è fondamentale. Gli arbusti da frutto hanno bisogno di luoghi soleggiati e con un’adeguata ventilazione. Il terreno deve essere ben drenato per evitare l’accumulo di acqua, che può portare al marciume delle radici.

È inoltre opportuno evitare aree inquinate o con altre attività industriali che potrebbero contaminare la coltura.

‹ adv ›

Quando si sceglie il luogo giusto per la semina, bisogna tenere conto di:

  • essere lontano da venti freddi e caldi;
  • essere privo di sacche di gelo (di solito nelle valli);
  • accesso alla strada, all’acqua per l’irrigazione;
  • posizione preferibile in prossimità di fasce tampone;
  • avere un terreno adatto;
  • essere vicini ai mercati, poiché gli arbusti da frutto hanno frutti facilmente deperibili.

Gli arbusti da frutto dovrebbero essere piantati sul lato nord-est e nord-ovest del pendio, con una pendenza fino al 10%.

3. Analizzare le condizioni del suolo

Un terreno sano è essenziale per il successo di una piantagione biologica. Pertanto, prima di realizzare qualsiasi piantagione si raccomanda di effettuare un’analisi del terreno.

Analizzate il pH prima della piantagione – il pH giusto per la maggior parte dei bacilli è compreso tra 5,5 e 7. Allo stesso tempo, analizzate la quantità di sali e sostanze nutritive presenti nel terreno.

Le condizioni del suolo possono essere migliorate con l’aggiunta di compost organico, la coltivazione di sovesci, l’uso di pacciamatura organica o di altre modifiche naturali che possono migliorare la fertilità e la struttura del suolo. Nel caso di impianti certificati, questi devono provenire da fonti certificate.

La percentuale di materia organica nel suolo deve essere almeno del 4%.

4. Acquistare arbusti sani

Assicuratevi di acquistare arbusti sani da un fornitore affidabile. Devono essere vigorosi e non mostrare segni di malattie o parassiti, e devono essere accompagnati da certificati di qualità.

Per la creazione di piantagioni biologiche è necessario acquistare materiale di piantagione biologico da vivai biologici certificati.

5. Optare per la gestione integrata dei parassiti

Invece di affidarvi ai pesticidi, adottate un approccio integrato alla gestione dei parassiti. Ciò potrebbe comportare l’uso di insetti utili, metodi di coltivazione che scoraggiano i parassiti e l’uso di prodotti di controllo biologico quando necessario.

Per il monitoraggio, e in alcuni casi anche per il controllo, si possono usare trappole diverse, come attrattori specifici per ogni specie o trappole meccaniche.

Per attirare insetti predatori o altri insetti utili, piantate strisce di fiori, create luoghi di rifugio per loro e mettete a disposizione fonti d’acqua per insetti e uccelli.

Assicuratevi che gli insetti utili abbiano a disposizione acqua nella stagione calda e un riparo asciutto e caldo in inverno.

6. Rispettare le distanze di impianto, tenendo conto delle esigenze delle specie

Il modo più efficace per combattere malattie e carenze è adottare le misure necessarie per prevenirle. Uno degli aspetti più importanti, oltre alla scelta del terreno, del suolo e delle varietà giuste, è tenere conto delle esigenze di ciascuna varietà.

Rispettate le distanze di impianto consigliate, in modo che ogni pianta abbia spazio sufficiente per la nutrizione e un’adeguata ventilazione.

7. Utilizzare il sovescio e i fertilizzanti organici

In natura non c’è terra nuda, e questo è un principio che dovrebbe riflettersi anche in un’azienda agricola in cui si scelgono metodi di produzione naturali o biologici certificati.

I concimi verdi possono essere seminati prima della semina per migliorare le condizioni del suolo o tra le file di piante dopo la semina.

Segale, grano saraceno, trifoglio o veccia sono alcuni dei concimi verdi che possono essere seminati tra le file di arbusti da frutto.

Dopo la fioritura, la massa viene cucita insieme e lasciata sul terreno per formare un pacciame naturale. Oltre a migliorare il terreno, i concimi verdi aumentano la biodiversità della piantagione.

Molti specialisti consigliano di utilizzare il pacciame organico nelle piantagioni intorno alle piante.

Certificazione biologica

Infine, prendete in considerazione la possibilità di ottenere una certificazione biologica. Può aggiungere valore ai vostri prodotti e aprire nuovi mercati.

La certificazione biologica si ottiene solitamente dopo un periodo di conversione di:

  • tre anni per le colture perenni e le piantagioni (compresi gli arbusti da frutto).
  • due anni per i campi e le colture annuali.
  • due anni per le colture erbacee e foraggere.

La creazione di una piantagione biologica di arbusti da frutto può essere impegnativa, ma i vantaggi possono essere significativi. Con un’attenta pianificazione e l’attuazione delle migliori pratiche, è possibile sviluppare una piantagione che sia produttiva, sostenibile e redditizia.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti