mercoledì, 22 Maggio, 2024
HomeAgroEcoTicchiolatura del melo (Venturia inaequalis): Cultivar robuste in Europa centrale

Ticchiolatura del melo (Venturia inaequalis): Cultivar robuste in Europa centrale

La ticchiolatura del melo (V. inaequalis) è la principale malattia in melicoltura biologica. La disponibilità di varietà resistenti è un problema importante, poiché sono disponibili sul mercato solo poche varietà robuste.

‹ adv ›

Proponiamo un elenco di varietà robuste attualmente conosciute e adatte alla produzione su larga scala. L’attuale selezione di nuove cultivar è fondamentale per il futuro della coltivazione organica, restate sintonizzati. L’utilizzo di cultivar robuste riduce la necessità di input esterni e ad alto costo, riduce il carico di lavoro per gli agricoltori (sono necessarie meno applicazioni) e aumenta la sostenibilità della produzione di frutta.

Raccomandazioni pratiche

• La scelta delle varietà resistenti/tolleranti alla ticchiolatura dipende dalle condizioni climatiche e dal sito, nonché dalle esigenze di commercializzazione specifiche dell’azienda. Si consiglia una supervisione con i colleghi agricoltori e con i servizi di consulenza regionali o nazionali per la frutticoltura biologica sulle migliori varietà resistenti alla ticchiolatura/tolleranti nella vostra zona.
• Per una panoramica sulle cultivar disponibili e su alcune caratteristiche produttive, consultare l’elenco delle varietà per la coltivazione biologica del FiBL nella sezione dei link.
• Le cultivar tolleranti alla ticchiolatura più diffuse in Europa centrale sono:
Story/Inored, Topaz, Opal, Ladina, Santana, Antonovka e Idared.
• Le varietà resistenti non superano completamente la ticchiolatura del melo. I trattamenti con prodotti fitosanitari sono ancora necessari, ma la scelta della varietà giusta riduce significativamente la dipendenza da input esterni. (Figura 1)

A. Figura 1: Tassi di applicazione dei prodotti fitosanitari e percentuale di piante libere da infestazioni nelle varietà resistenti alla ticchiolatura rispetto alle varietà non resistenti. I dati mostrano le aziende agricole con varietà resistenti e non resistenti in Germania nel 2018. Media=30 su 34 aziende agricole valutate (vedi link sotto).

B. Rapporto tra i prodotti fitosanitari irrorati nelle varietà resistenti e non resistenti alla ticchiolatura (input). L’apporto di rame puro per le varietà resistenti alla ticchiolatura nel 2018 è sceso a circa l’80% del tasso di applicazione utilizzato per le varietà non resistenti. Una riduzione simile si registra per lo zolfo.

‹ adv ›

L’eliminazione completa delle misure di regolazione diretta non è stata possibile con le varietà resistenti alla ticchiolatura. Tuttavia, l’apporto di fungicidi è significativamente ridotto e, relativamente, il numero di irrorazioni è stato leggermente ridotto.

Percentuale di piante prive di infestazione (frutti infestati < 5%) nelle varietà resistenti alla ticchiolatura e non resistenti alla ticchiolatura (Output). L’infestazione da ticchiolatura dei frutti nelle varietà resistenti si riduce di circa 1/3 rispetto alle varietà non resistenti. Una riduzione significativa dell’infestazione è stata evidenziata anche per la rugginosità, mentre non sono state registrate variazioni significative per la ticchiolatura.

Ulteriori informazioni:

Varieties recommended for organic fruit growing nel negozio del FiBL (in tedesco e francese).
• Articolo keeping plants healthy in organic apple production da FÖKO (in tedesco).
• Controllare Organic Farm Knowledge platform per maggiori raccomandazioni pratiche.

Autore: Niklas Oeser.

Biofruitnet
Biofruitnethttps://biofruitnet.eu
BIOFRUITNET immagina un futuro in cui la produzione di frutta biologica nell'UE sia facile da realizzare, redditizia e sostenibile a lungo termine.
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti