sabato, 15 Giugno, 2024
HomeNotizieIl Ministro dell’Economia francese promette un calo dei prezzi dei prodotti alimentari...

Il Ministro dell’Economia francese promette un calo dei prezzi dei prodotti alimentari per il 2024

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze francese Bruno Le Maire ha dichiarato che i prezzi di alcuni prodotti alimentari diminuiranno quest’anno, rispondendo alle preoccupazioni più diffuse dopo che l’anno scorso è stato tormentato dall’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari.

‹ adv ›

Dopo molti mesi di cosiddetta „inflazione alimentare”, Le Maire ha assicurato ai francesi che il prezzo di alcuni prodotti alimentari scenderà, durante l’intervista di domenica a France 3.

„Vedrete tagli di prezzo sul burro, sugli oli, su alcuni prodotti come il pollame, su alcune carni, non solo una stabilizzazione”, ha detto nell’intervista.

La Francia è uno dei Paesi „in cui i prezzi sono aumentati di più dal gennaio 2022”, con un’inflazione alimentare cumulata del 17,9% tra gennaio 2022 e agosto 2023, si legge in una recente analisi di NielsenIQ.

Seguono la Spagna, al 17,2%, il Regno Unito al 16,7%, l’Italia al 16,4%, la Germania al 15,5%, il Belgio al 14,9% e il Portogallo al 12,4%.

Ma nonostante un 2023 difficile, Le Maire è convinto che la situazione migliorerà una volta che le trattative tra rivenditori e fornitori di generi alimentari termineranno il 31 gennaio – facendo eco a ciò che diversi grandi capi di supermercati hanno detto di recente riguardo agli aumenti dei prezzi e aggiungendo che i rincari non raggiungeranno i livelli che hanno seguito lo scoppio della guerra in Ucraina.

„La buona notizia è che l’inflazione a due cifre è finita”, ha dichiarato sabato a Ouest France Thierry Cotillard, presidente del gruppo Les Mousquetaires (Intermarché, Netto, Bricomarché, Bricorama, ecc.), criticando i produttori per aver aumentato i prezzi in un momento in cui i prezzi delle materie prime sono già in calo da diversi mesi.

‹ adv ›

Per sottolineare la sua opposizione agli aumenti dei prezzi da parte dei produttori, il gigante francese dei supermercati Carrefour ha già ritirato i marchi Pepsico (Pepsi-Cola, Lipton, Lay’s, Doritos, ecc.) dai suoi scaffali.

Nel frattempo, mentre Le Maire sembra essersi assicurato che le trattative commerciali tra rivenditori e distributori – che di solito si tengono a marzo – fossero anticipate, come aveva annunciato durante l’estate dello scorso anno, si è opposto all’idea di organizzare tali trattative durante tutto l’anno, nonostante altri Paesi europei abbiano adottato tale metodo dopo l’impennata dei prezzi in tutto il blocco.

„Penso che ciò creerebbe molti problemi ai nostri produttori […], e temo che renderebbe i nostri agricoltori molto più vulnerabili”, ha dichiarato.

Ma secondo Daniel Ducrocq di NielsenIQ, è proprio perché la Francia ha deciso di mantenere i negoziati commerciali una volta all’anno che continua a essere in ritardo rispetto ai suoi vicini europei nella riduzione dei prezzi dei prodotti alimentari, ha detto Ducrocq a Le Figaro in un’intervista.

Alla domanda se sia il caso di affrontare la crisi introducendo nuovi buoni alimentari, come richiesto da molte associazioni e politici per aiutare chi ha il reddito più basso, Le Maire ha risposto:

„Dimentichiamo le politiche dei buoni, oggi non ne abbiamo i mezzi”, affermando di preferire un aumento degli aiuti alle associazioni e alle banche alimentari.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti